Imbarazzanti i livelli di short che vengono aperti sul nostro mercato!

Scritto il alle 15:19 da [email protected]

E’ veramente imbarazzante quanto accade sul nostro mercato e su quello Spagnolo da oramai qualche anno! Imbarazzante e singolare! Eppure accade, costantemente e frequentemente! Nonostante si tenti di elevare in tutte le maniere la qualita’ del nostro paese e nonostante le tanto decantate politiche fiscali (tasse e lotta all’evasione!) che secondo alcuni funzionano e funzioneranno, stranamente il nostro mercato e’ sempre preda della speculazione ribassista: come mai ? La domanda la porrei al ragionier Monti, al quale affido volentieri le sorti del mio paese se solo mi dimostra che tutto quello che sta facendo e’ valevole!

Ma a me pare esattamente il contrario: mi pare che nulla funzioni e che il livello di pericolosita’ sui mercati si sia alzato sino alla zona rossa. Giusto ieri la Finlandia ci ha fatto sapere che loro non gradiscono cio’ che e’ fuoriuscito dal vertice europeo del 28.E temono che l’euro presto vada KO.

Grande Europa! Egoista e singolare in ogni dove! Mi domando come mai non lo abbia detto al vertice, la cara Finlandia.

La Finlandia: ah, che paese! L’unica industria che possiedono e’ la Nokia! Il resto e’ pesca! Ma loro parlano, chiacchierano, minacciano!

Minacciano anche perche’ l’euro e l’europa , essendo nati male , senza una BCE che stampa denaro, come in tutte le banche centrali del mondo, sanno che il voto di un singolo stato e’ fondamentale! E poi hanno l’ausilio di una Germania che se ne frega della crisi in corso, visto che si sta ripagando il debito a costo zero, e non appoggia nessuna politica fiscale idonea al risanamento.

L’unica cosa che e’ gradita a questa Europa sono le TASSE: ancora una volta due giorni fa ho sentito un ministro donna del parlamento Austriaco fare un’altra minaccia: quella di non ratificare quanto scaturito dall’incontro del 28 Giugno se non dopo avere avuto garanzia sulla Tobin Tax! Ma quanto siamo diventati incomprensibilmente sciocchi!

Perche’ mai noi cittadini italiani dovremmo accettare un’europa cosi’ ? Che senso ha rimanere insieme sulla carta e poi affilare i coltelli e colpire dietro la schiena l’avversario ?

E’ necessario, a mio avviso, sciogliere definitivamente l’Euro e l’Europa, e , se proprio si vuole,….. ricostituire l’unione partendo da altro statuto, differente e piu’ consono agli attuali problemi. Uno statuto nel quale la BCE recuperi il ruolo che doveva gia’ avere, di vera banca centrale prestatrice di ultima istanza; uno statuto nel quale il veto di uno stato non puo’ inficiare nulla, se il voto ha la maggioranza democratica dei membri UE! Uno statuto nel quale ci sia una politica fiscale unica, e che abbia una riforma del lavoro unica, flessibile e libera; Uno statuto nel quale si abbia una politica fiscale identica per tutti gli stati membri, con tasse non superiori al 35%, come accade negli stati uniti, e leggi severissime contro l’evasione (subito dopo l’abbattimento della pressione fiscale , pero’).

Questa e’ l’Europa che ci deve essere, non chiacchiere, sciocchezze e tasse continue e deprimenti. La speculazione finanziaria va combattuta, infine, non certo con la tobin tax: la conoscenza dei soggetti che mettono costantemente pressione sui mercati e’ nota a livello istituzionale: colpite costoro direttamente, perche’ lo potete fare!

Grazie. Biagio Milano Amicaborsa.it

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 3.2/10 (33 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -15 (from 31 votes)
Imbarazzanti i livelli di short che vengono aperti sul nostro mercato!, 3.2 out of 10 based on 33 ratings
1 commento Commenta
neropece
Scritto il 13 luglio 2012 at 10:00

Ancora MOODY’S che declassa l’ITALIA, e le sciocchezze di queste agenzie continuano!

MILANO (Finanza.com)

L’ultima seduta settimanale prende il via a due velocità in Europa. Dopo i ribassi della vigilia partenza positiva per il Cac40 e il Dax che salgono rispettivamente dello 0,34% e dello 0,55%. Si muove sopra la parità anche il Ftse100 che guadagna quasi mezzo punto percentuale. Ancora ribassi per Milano e Madrid: l’Ibex cede lo 0,4%, mentre il Ftse Mib, dopo un inizio in moderato progresso, ora cede oltre lo 0,25%. Che la tensione sia alta è testimoniato dal rialzo dello spread tra Btp e Bund che viaggia a quota 481 punti base.

Sono diverse i fattori che stanno oggi influenzando i listini. I mercati sembrano leggere positivamente i dati macroeconomici arrivati questa mattina dalla Cina. Nonostante il sesto calo consecutivo del ritmo di crescita dell’ex Celeste impero, i segnali odierni hanno fatto prendere una boccata d’ossigeno, e scacciato almeno per il momento le preoccupazioni che serpeggiavano nell’ultimo periodo di un rallentamento economico più marcato del gigante asiatico. In particolare l’economia cinese ha mostrato nel secondo trimestre dell’anno una crescita del 7,6% su base annuale, in linea con le attese degli analisti. Nel primo trimestre il ritmo di crescita era stato dell’8,1 per cento.

Il timido segno più visto in avvio di scambi a Piazza Affari ha ben presto lasciato il posto alle vendite. L’Italia è finita nuovamente sotto attacco: a sorpresa Moody’s ha dato una sforbiciata al giudizio sul debito sovrano italiano, tagliandolo di due gradini. La raccomandazione sui titoli di Stato italiani è così passata da A3 a Baa2, appena due punti sopra il livello “junk”. Motivo? L’agenzia Usa ha deciso di agire in scia all’instabilità politica che si sta acuendo e che troverà il proprio apice nella prossima primavera, quando ci saranno le elezioni. “Il governo Monti a suon di voti di fiducia sta andando avanti per la propria strada ed è opinione comune tra gli esperti che tali decisioni possano essere corrette – commentano gli analisti di Fxcm – ma che probabilmente cominceranno a non trovare più l’approvazione da parte dei diversi gruppi politici”.

L’attenzione del mercato si focalizzerà oggi anche sul fronte societario, con i conti di JPMorgan e Wells Fargo attesi nel pomeriggio. Questi risultati, sostengono da Ig Markets Italy, potranno dare qualche indicazione in più in merito all’andamento delle trimestrali statunitensi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 1.0/5 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -21 (from 23 votes)

Articoli dal Network
Piazza Affari ieri ha interrotto la striscia vincente di 9 rialzi consecutivi, abbandonando momentaneamente i top di pe
Due sono gli elementi legislativi dello scorso anno che avranno ripercussioni sulla previdenza complementare, il primo p
Il sistema bandisce le criptovalute (e ne assume indirettamente il dominio) Il crollo delle criptovalute e ovviamente
I prezzi delle opzioni rappresentano l'incontro tra le domande di acquisto e vendita immesse ogni giorno sul mercato dai
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista
Riprendiamo dall’analisi del Futures Dax sul lungo periodo che, contrariamente al nostro Futures, presenta una situazi
Lo so che non interessa più a nessuno, come abbiamo riportato nel fine settimana, il mercato americano è estremame
FTSE MIB: l'indice italiano ha aperto le contrattazioni in positivo rispetto alla chiusura della vigilia, seduta nella
Ho deciso di scrivere questo report perché osservo commenti a report sui mercati che sono a mio avviso senza senso. Lo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista]